Lo Sports Hub più grande della Cina apre a Chongqing: il nuovo traguardo di Progetto CMR

Data 4 ottobre 2016

Categorie News|eventi

progetto_cmr

E’ stato recentemente inaugurato a Chongqing, alla presenza delle maggiori cariche istituzionali della municipalità, il più grande Centro per attività sportive indoor della Cina, lo Sports & Entertainment Hub, sviluppato dal gigante cinese Xinxing Cathay International Group.
Il gruppo cinese ha affidato a Progetto CMR il delicato compito di gestire la fase esecutiva e la direzione lavori sia dello Sports Hub che dell’intero complesso in cui è inserito, il Jihua Park, per un’area complessiva di 622,000 mq.

Il Jihua Park di Chongqing è il primo Shopping village della Xinxing Cathay Group ad avere aperto i battenti al pubblico, inaugurando una nuova era del retail: questi luoghi si ispirano infatti al concetto di Retail-tainment per diventare dei veri e propri luoghi esperienziali a 360 gradi, dove shopping, divertimento, sport e relax si uniscono in un unico polo, grazie alla presenza, oltre allo Sports Hub, di un fashion village, di un albergo di lusso, di spa e di un centro congressi. Questa scelta è stata dettata dalla forte volontà di creare un luogo che risponda alle nuove richieste della classe media cinese, sempre più attenta alla qualità dell’esperienza e proiettata alla ricerca di quel “qualcosa” di nuovo e unico che la coinvolga e che la spinga a tornare. Si deve proprio a questo approccio la decisione di aprire come prima struttura lo Sports Hub, e non i negozi, a sottolineare la valenza innovativa del progetto.

“Sono veramente molto soddisfatto di questo risultato, che dimostra ancora una volta come un sapiente gioco di squadra, con un equilibrato mix di competenze e professionalità, possa fare veramente la differenza – afferma l’architetto Massimo Roj, AD di Progetto CMRIl progetto del Jihua Park di Chongqing rispecchia perfettamente la mia personale idea sulla tendenza del mondo del retail di oggi: se si vuole davvero far leva sull’esperienza dell’acquirente, non si può più restare ancorati al concetto dei centri commerciali così come disegnati venti anni fa. Il mondo si evolve e le necessità cambiano: in un universo dove il mondo virtuale è sempre più parte delle nostre vite, bisogna offrire qualcosa di più, qualcosa di nuovo, qualcosa di sinceramente stimolante, capace di far uscire le persone dalle loro case e far loro riscoprire il piacere di un’esperienza coinvolgente, disegnata su di loro”.

All’interno dello Sports Hub, il percorso tocca una grande varietà di universi sportivi unici, spaziando dalle pareti per arrampicate, attrezzate per diversi livelli di difficoltà, al windsurf sulle onde e alle camminate tra le rocce e ponti tibetani, fino all’indoor skydiving, in un’atmosfera avvincente, ricca e stimolante.
Per lo Sports Hub, Progetto CMR è stata incaricata di coordinare il team creato appositamente per questo lavoro, che ha riunito fornitori e consulenti sia locali che stranieri per ciascuna delle attività sportive del centro. Lo staff locale della società di progettazione milanese ha anche seguito da vicino i lavori del cantiere, con regolari sopralluoghi a Chongqing e incontri con i responsabili del cantiere, al fine di garantire la massima qualità architettonica e costruttiva, nel rispetto delle normative locali e internazionali in materia. Il risultato è un impianto di altissimo livello, il primo di queste dimensioni e caratteristiche in Cina, in linea con le aspettative del Cliente che puntava, con questo progetto, a fornire al visitatore un’esperienza unica e irripetibile, facendolo sentire il vero protagonista di questo mondo di divertimento e scoperta continua.

L’architettura riveste una fondamentale importanza in un simile progetto: la cornice deve essere infatti studiata per rendere il luogo piacevole da vivere, non solo per le attività che offre, ma anche per l’atmosfera che vi si respira. Per questo motivo, si è deciso di uscire dalle pareti limitanti del centro commerciale tradizionale, optando per il “villaggio” all’aperto, costruito seguendo gli stili tipici della tradizione cinese, inserendosi naturalmente nel contesto in cui sorge: ad esempio, l’area del fashion village è realizzata con edifici bassi, sul modello dei siheyuan, i classici edifici a corte; per l’albergo, invece, è prevista una struttura circolare che richiama i tulou, le abitazioni tipiche del Sud della Cina.
&lt

Go to TopBack to BlogCerca nel testo

This is a unique website which will require a more modern browser to work!

Please upgrade today!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi